Visite: 562

Il sistema linfatico in breve

Il sistema linfatico è un insieme di organi e di vasi che svolgono la funzione principale di drenare i liquidi in eccesso nei tessuti fino a farli defluire nel circolo ematico. Si tratta della funzione combinata di capillari e vasi linfatici, midollo osseo, milza, dotto toracico, cisterna di Pequet e altri piccoli organi.

Questo sistema gioca un ruolo fondamentale nel sostenere la salute del sistema immunitario, quindi è importante prendere alcune misure per rafforzarlo, specie se si hanno problemi di salute. Se la linfa non è pura, il sistema immunitario si arricchisce di sostanze indesiderate e non trasporta gli anticorpi nelle aree necessarie, quindi il corpo è a rischio di infezioni e malattie.

Il sistema linfatico consente all'organismo di purificare i tessuti, drenandoli e filtrandoli.

Non possedendo una pompa per generare il movimento dei liquidi (come invece accade per il sangue con il cuore), la linfa, per scorrere, necessita dell'aiuto di fattori esterni:

- il movimento muscolare esterno;

- l'automatismo muscolare degli stessi vasi linfatici;

- le pulsazioni dei vasi arteriosi limitrofi;

- i movimenti respiratori.

 Quando questi fattori non sono sufficienti (a causa di una patologia o di uno stile di vita sedentario) è utile e molto efficace intervenire con manovre meccaniche che favoriscano il fluire della linfa. Tra queste manovre vi trova posto il linfodrenaggio.

 I capillari linfatici drenano tutti i tessuti e raccolgono i liquidi ricchi di scarti derivanti  dal metabolismo delle cellule ( la linfa). In seguito, la linfa defluisce nei vasi linfatici veri e propri per venire poi filtrata da alcuni piccoli organi (i linfonodi) che svolgono anche un'importante funzione immunitaria per l'organismo.

l linfonodi sono raggruppati principalmente in determinate zone del corpo:

- inguine; 

- ascelle;

- collo;

-cavo popliteo;

-tronco;

- gomito. 

Ogni gruppo di linfonodi viene chiamato “stazione linfonodale” e raccoglie la linfa di tutto un settore.

  

Tecniche di Linfodrenaggio

Il LINFODRENAGGIO è un massaggio dolce composto da manovre che hanno azione sulla circolazione della linfa, riducendone il ristagno che è causa di gonfiori. Il drenaggio linfatico aiuta il viaggio di questi liquidi, smuovendoli, e svolge un intervento di sblocco dei canali intasati. Esso si basa su alcuni movimenti leggeri, lenti e ripetuti, alternati a pressioni delicate.

Può essere eseguito in qualsiasi zona del corpo (gambe, glutei, braccia, piedi, viso e schiena) ed è consigliato per trattamenti pre e post inten/ento chirurgico, insufficienza venosa (varici) e linfedema o più semplicemente per il trattamento di inestetismi come cellulite o gonfiori vari.

 

Effetti e applicazioni

Gli effetti del linfodrenaggio sono molteplici:

 Dimagrante e anticellulite

Il drenaggio dei tessuti favorisce la scomparsa della cellulite e degli accumuli di liquidi.

 Rilassante

A causa dei tempi lenti delle manovre praticate facilita il rilassamento.

 Antalgico

Agendo sul sistema neurovegetativo consente la parziale riduzione del dolore.

Antiedemico

Favorisce il riassorbimento dei liquidi e delle proteine espulsi dalle cellule e dei residui di sangue prodotti da ematomi.

 Purificazione della cute

Il linfodrenaggio purifica la pelle dalle sostanze stagnanti e mette in circolo sostanze utili alI'organismo.

 Rinforzo delle difese immunitarie

Rendendo veloce il flusso della linfa migliora la risposta immunitaria dell’organismo.

 Miglioramento dell'ossigenazione dei tessuti

Purificando gli spazi interstiziali ha azione sul microcircolo artero-venoso e sul metabolismo delle cellule stesse accrescendo l’ossigenazione dei tessuti.

 

Accorgimenti e controindicazioni

Le tecniche di linfodrenaggio sono assolutamente controindicate per il trattamento di persone affette dalle seguenti patologie:

- patologie del sistema linfatico (flebite e tromboflebite);

- insufficienza renale o cardiaca;

- tumori maligni;

- infiammazioni acute;

- trombosi recenti;

- edema cardiaco.