Visite: 205

 

Candle Massage

 Più che una tecnica di massaggio potremmo definirlo un vero e proprio “rituale ayurvedico” attraverso il quale corpo e psiche si mettono in stretto legame tra loro. Viene effettuato con una candela nella quale è contenuta una miscela naturale a base di burro vegetale  arricchita con oli vegetali ad altissima purezza, essenze e profumi.

 

Il Candle Massage svolge doppia azione: idrata, nutre e lenisce la pelle più di qualsiasi altro olio, grazie al ricco contenuto di principi attivi, e dona una piacevole sensazione di relax e benessere mentale in quanto il calore, il bagliore della fiamma e le essenze liberati dalla candela riattivano tutti nostri sensi allentando le tensioni e liberando la mente.

Le candele utilizzate sono le VIVALU Bricco della Lumen

VIVALU Bricco e’ la candela più venduta e più apprezzata dagli esperti e da chi vuole fare il suo primo massaggio con la candela.. E’ disponibile in 6 formule e profumi per soddisfare i diversi trattamenti dell’area benessere. Le VIVALU Bricco sono tutte a base di burro di karitè  con aggiunta di altri burri a seconda  delle  versioni:

 

Burro di cacao,  Vellutare - Massaggio raffreddante, emolliente profumo fresco e talcato.

http://vivalu.it/VIVALU.it/Media/transparent.gifhttp://vivalu.it/VIVALU.it/Media/transparent.gifMandorla,  Energizzare -  Massaggio riscaldante, delicatamente profumato alle mandorle dolci e riso.

 Aloe Vera, Riequilibrare -  Massaggio bilanciante, leggermente profumato di fresca ruggiada

 Soia, Tonificare -  Tonificante e rassodante. Per tutte le pelli. Profumo ancestrale e balsamico.

 Mango, Coccolare - burro di karitè e burro di mango per un massaggio giocoso, istintivo, sensuale. Profumo inebriante di frutta esotica. Lasciati coccolare.

 Andiroba, Proteggere - Per un massaggio non profumato, indicato per pelli sensibili. Emoliente e ottimo doposole.


 :

 Le candele VIVALU hanno ocme base il burro di Karitè; ecco le sue principali caratteristiche:

Il burro di karitè è una sostanza ricavata dai semi della Vitellaria paradoxa, pianta della famiglia delle Sapotaceae diffusa in Africa.

I suoi semi vengono anche chiamati per semplicità noci di karitè. La pianta del karitè è un vero e proprio albero che può raggiungere un'altezza compresa tra i 10 e i 15 metri e il diametro del cui tronco tocca facilmente il metro.

A partire dalle noci del karitè viene ricavata una sostanza burrosa che per le sue caratteristiche viene impiegata come condimento nella tradizione alimentare africana o in cosmesi. Il burro di karitè grezzo è di colore tendente al giallognolo e presenta un odore dolciastro. Per l'utilizzo cosmetico si trova in commercio burro di karitè privato di ogni impurità e deodorizzato. 

Benefici del burro di karite'

Al burro di karitè vengono attribuite proprietà emollienti, nutrienti e idratanti, che lo rendono un ottimo cosmetico naturale per la cura della pelle. Si ritiene che possa contribuire a proteggere la pelle dalle radiazioni solari e che possa essere impiegato come cosmetico per la prevenzione delle rughe e per mantenere la pelle giovane.

 

È grazie all'impiego del burro di karitè che le donne africane mantengono la loro pelle bella, morbida e giovane anche in età avanzata, tanto che le noci di karitè vengono considerate come il frutto dell'albero della salute e della giovinezza. Il burro di karitè presenta proprietà antiossidanti che sono in grado di proteggere la pelle dall'esterno dall'azione dei radicali liberi.

L'azione antiossidante è dovuta principalmente al contenuto di vitamina E del burro di karitè, che presenta inoltre vitamina A e vitamina D. L'applicazione del burro di karitè sulla pelle consente di mantenere il suo colorito naturale e sano, di idratarla e di nutrirla, oltre che di proteggerla dagli agenti esterni, come i raggi solari, il vento e il freddo, per via delle sue proprietà filmanti e filtranti.

Esso presenta inoltre proprietà cicatrizzanti e lenitive del dolore, che lo rendono indispensabile in caso di piccole scottature, contusioni, dolori articolari e muscolari, al fine di poterlo applicare direttamente con le dita sulla parte interessata per poter intervenire in maniera immediata sul problema grazie ad un rimedio naturale.

Le proprietà emollienti del burro di karitè lo rendono perfetto per proteggere le labbra dagli agenti esterni, soprattutto dal vento e dal freddo, quando si teme che possano comparire su di esse delle screpolature. La medesima azione viene condotta in corrispondenza di altre parti del corpo molto delicate, come le mani e i piedi.

Usi del burro di karite'

Il burro di karitè può essere considerato come un rimedio naturale e come un cosmetico multiuso. Può essere impiegato come unico prodotto per l'idratazione e per il nutrimento della pelle del corpo, delle mani e del viso. Sostituisce la crema idratante per il corpo se dopo il bagno o la doccia viene applicato e massaggiato in piccole quantità sulla pelle umida.

Diventa una crema per il viso in inverno, molto nutriente e in grado di proteggere la pelle dalle intemperie. Sul viso può essere applicato in piccole quantità prelevandolo con le dita direttamente dalla confezione, o con l'aiuto di una spatolina, e sciogliendolo tra i polpastrelli. Allo stesso modo può essere utilizzato come una crema nutriente e protettiva per le mani, da applicare prima di uscire di casa.

Sempre per quanto riguarda le mani, il burro di karitè può essere applicato in quantità maggiori per realizzare un impacco curativo per le mani secche e screpolate da lasciare agire durante la notte, avvolgendo le mani in guantini di cotone. Il burro di karitè puro può sostituire il burrocacao e diventare un comodo balsamo per le labbra, da portare con sé e da utilizzare al bisogno dopo averne trasferito un po'in un piccolo contenitore. Qui potete trovare una ricetta semplicissima per preparare in pochi minuti il vostro burrocacao al karitè.

Oltre che per la cura della pelle, il burro di karitè può essere d'aiuto per i capelli, in particolare se appaiono secchi e se le punte sono sofferenti. Proprio sulle punte possono essere effettuati degli impacchi pre-shampoo a base di burro di karitè, da applicare in piccole quantità e lasciare agire per pochi minuti. Piccolissime quantità di burro di karitè possono aiutare a fissare e lucidare i boccoli, quando i capelli sono già asciutti, e possono sostituire le cere per capelli, soprattutto se sono corti.

Il burro di karitè può essere utilizzato da parte degli uomini come crema da barba e per rimarginare i taglietti che possono presentarsi dopo aver utilizzato il rasoio. Allo stesso modo può essere utile alle donne dopo la depilazione. Le donne in gravidanza possono utilizzarlo come crema da applicare sul pancione per la prevenzione delle smagliature.

Può essere inoltre applicato su piccole irritazioni ed eruzioni cutanee, sulle punture di insetti e sulla pelle che presenta prurito, per alleviare i fastidi. È utile in caso di piccole bruciature e di lievi scottature solari. Previene inoltre screpolature e arrossamenti dovuti al sole ed al freddo, anche nel caso di pelli particolarmente sensibili.

Il burro di karitè sostituisce alla perfezione le creme commerciali per quanto riguarda la prevenzione e la cura degli arrossamenti da pannolino. Esso viene inoltre impiegato per la preparazione di prodotti cosmetici come creme idratanti o lenitive e balsami per capelli. La sua effettiva presenza nell'INCI può essere riconosciuta tramite la dicitura Butyrospermum Parkii Butter. Nei prodotti stranieri il burro di karitè può essere inoltre indicato come Shea Butter.

Il burro di karatè può essere utilizzato per la preparazione casalinga del sapone, tenendo conto del coefficiente SAP 0.128 (ad 1 kg di burro di karitè corrisponderanno 128 grammi di soda). È inoltre ottimo per effettuare massaggi che possono prevenire o alleviare la presenza di dolori reumatici, articolari o muscolari.

Può essere infine utilizzato come decongestionante nasale, solo se puro, applicandolo in piccole quantità all'interno delle narici e come pomata lenitiva per alleviare i lividi provocati da contusioni.

 

 Ecco come sfruttarlo al meglio

1.      Maschera per il viso. Prendetene un cucchiaio, ammorbiditelo fra le mani e applicatelo in uno strato spesso sul viso pulito. Lasciate in posa per quindici minuti e poi rimuovete con un panno morbido e umido. Per una pelle super idratata;

2.      Trattamento per unghie e cuticole. Se avete le cuticole particolarmente secche e che si spaccano, cosa piuttosto dolorosa e scomoda, o le unghie deboli che tendono a sfaldarsi, prendete una noce di burro di karitè, fatelo sciogliere a bagnomaria, a fuoco lento, e aggiungete il succo di un limone. Mescolate bene e quando la miscela è ancora tiepida immergetevi le dita per cinque minuti;

3.      Naso screpolato. Che sia per il sole cocente in montagna o per un brutto raffreddore, per dar sollievo al naso basta spalmare un po’ di burro di karitè sulla zona screpolata e arrossata, per un effetto immediato;

4.      Burrocacao. Usatene una goccia come burrocacao per labbra screpolate, e come protettivo dal vento. Non preoccupatevi, il burro di karitè puro viene usato anche come condimento in Africa, quindi potete metterlo sulle labbra senza problemi;

5.      Maschera per capelli. Se avete i capelli secchi e danneggiati o se d’estate i vostri capelli se la vedono brutta fra piscine, bagni in mare, vento in spiaggia e tintarella, questa maschera farà contenta la vostra chioma. Sui capelli asciutti applicate il burro di karitè su tutta la lunghezza, o solo sulle parti danneggiate. Lasciate in posa per un’ora e poi lavateli con il vostro shampoo preferito;

6.      Maschera per capelli veramente molto danneggiati. A volte una semplice maschera come quella di cui sopra non è abbastanza. Se pensate di dover ricorrere all’artiglieria pesante, beh, pensate di nuovo. Basta applicare il burro di karitè come descritto sopra e poi avvolgere i capelli in un asciugamano caldo. Andate a dormire e la mattina seguente lavate i capelli come al solito;

7.      Per favorire la digestione. In caso di crampi, cattiva digestione, o generico “mal di pancia”, il burro di karitè può ancora esservi d’aiuto: scioglietene un cucchiaio e applicatelo sull’addome con lenti massaggi circolari;

8.      Per aumentare la durata del profumo. Applicato sulla pelle dopo il bagno, il burro di karitè trattiene il profumo che vi vaporizzerete, facendone durare l’aroma più a lungo;

9.      Doposole. Che andiate al mare, in montagna o siate solo appassionati di lettini abbronzanti, il burro di karitè, così ricco e nutriente, è l’ideale da usare come doposole. L’esposizione ai raggi solari disidrata la pelle e aumenta il rischio di invecchiamento cellulare, ridarle idratazione, tono e nutrimento è la cosa migliore da fare, e il burro di karitè fa tutto questo;

10.  Migliora la circolazione delle gambe. Ammorbidite un cucchiaio circa di burro di karitè e poi usatelo per massaggiare le gambe, con ampi movimenti, partendo dalle caviglie e risalendo fino alle anche. Il massaggio stimola la circolazione, il burro di karitè vi regala una pelle morbida. Vincono tutti;

11.  Trattamento per i piedi. La stagione dei sandali sta arrivando, o magari siete yogini provetti, o ancora dediti alle arti marziali, o semplicemente soffrite di piedi secchi. In ogni caso basta applicare un po’ di burro di karitè sulle zone interessate, prima di andare a dormire, infilate un paio di calzini e risvegliatevi con piedi di velluto;

12.  Defatigante per la schiena. Che facciate sport o stiate curvi su una scrivania tutto il giorno, la schiena ne risente parecchio. Chiedete a qualcuno di amorevole di scaldare un po’ di burro di karitè fra le mani e di usarlo per massaggiarvi la schiena. È sicuramente molto rilassante;

13.  Scrub per talloni e gomiti. Si sa, sono le zone più secche del corpo, per definizione. Aggiungete un cucchiaino di zucchero a un cucchiaio di burro di karitè fatto ammorbidire e usatelo come scrub sulle zone che ne hanno bisogno;

14.  Imperfezioni. A quanto pare il burro di karitè ha un lieve effetto antiage, di sicuro aiuta la rigenerazione cutanea, ecco perché è formidabile usato su un brufolino, un graffio o sul contorno occhi (attenzione qui, siate molto leggeri, sia in quantità sia in movimenti, potrebbe risultare troppo ricco per la zona!);